In mostra i progetti dell’architettura italiana dal 1950 a oggi

Un museo romano cita se stesso: apre il 9 settembre al pubblico e viene inaugurata oggi la mostra “Exhibiting the Collection 1950-2010. Progetti dalle collezioni del MAXXI Architettura” proprio al  Museo delle Arti del XXI secolo Maxxi (Via Guido Reni 4/A) di Roma. La mostra, i cui curatori sono Maristella Casciato, Laura Felci ed Esmeralda Valente, proseguirà fino al 13 novembre 2011. Attraverso quest’esposizione il pubblico del museo potrà scoprire le nuove acquisizioni e approfondire con video ed interviste la conoscenza dei protagonisti e dei progetti che hanno segnato la storia dell’architettura italiana dal Novecento ad oggi. In mostra, tra gli altri, il modello di 4 metri e mezzo del Ponte di Messina progettato da Sergio Musmeci e Ludovico Quaroni, gli edifici di Giancarlo De Carlo per la ricostruzione di Beirut, il parco per la talassoterapia ad Alicante disegnato da Toyo Ito, le scenografie di Costantino Dardi per il film di Peter Greenaway “Il ventre dell’architetto”, la ricostruzione della Fenice di Venezia di Aldo Rossi, i ponti di Paolo Soleri e le “Cartoline Postali” di Yona Friedman. La mostra comprende anche un focus sul Concorso internazionale di progettazione bandito dal Ministero per i Beni e le Attività culturali per la realizzazione del MAXXI, la cui collezione Architettura diventa, con quest’esposizione, per la prima volta protagonista.

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: