Porta Pia, l’entrata del Regno d’Italia

Tra le porte delle Mura aureliane di Roma, sicuramente Porta Pia è la più famosa perché fu l’ultima opera di Michelangelo e perchè, attraverso una breccia nel muro, da qui entrarono il 20 settembre 1870 i bersaglieri del Regno d’Italia; questa data sancì in questo modo la fine dello Stato Pontificio. Fu costruita per volontà di Papa Pio IV tra il 1561 e il 1564 su progetto di Michelangelo per sostituire la Porta Nomentana che venne chiusa. Il grande maestro aveva allora 85 anni e morì prima della fine della sua costruzione; il disegno prevedeva una composizione innovativa, sebbene pare che il Pontefice scelse la proposta più economica… La decorazione sul lato interno della porta ricorda una bacinella con un asciugamano e un sapone al centro: sembra che così Michelangelo abbia voluto ricordare l’origine di  papa Pio IV, che pare discendesse da una famiglia di barbieri.  La porta aveva una sola arcata, ma una seconda fu aperta nel 1575 per agevolare il traffico. L’aspetto odierno è frutto di rimaneggiamenti, soprattutto ad opera di Virginio Vespignani, che ricostruì l’attico nel 1853 e nel 1869 terminò in stile neoclassico la facciata esterna, che ospita le statue di Sant’Agnese e di Sant’Alessandro affiancate da 4 colonne, secondo il volere di Pio IX. Dietro Porta Pia si trova il museo dei Bersaglieri.

Annunci

Tag: , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: