Archive for ottobre 2012

Il Cambio della Guardia al Quirinale

ottobre 30, 2012

Il Palazzo del Quirinale sorge sull’omonimo colle di Roma. È la residenza ufficiale del Presidente della Repubblica Italiana ed uno dei simboli dello Stato italiano. Nella piazza antistante l’ingresso principale del Palazzo, tutti i giorni (alle ore 15.15 in quelli feriali, alle 16.00 in quelli festivi), si svolge il Cambio della Guardia; questa cerimonia, in cui un reparto (che assicura la guardia alle garitte esterne su piazza del Quirinale e alla bandiera del reparto ospitata in una stanza vicino all’ingresso) si sostituisce ad un altro, viene svolta con la banda se il Presidente della Repubblica si trova al Quirinale, altrimenti senza. All’orario prestabilito arrivano nel mezzo della piazza la Banda (se c’è) ed ai suoi lati l’Arma dei Carabinieri, i Corazzieri (che fanno sempre parte dell’Arma dei Carabinieri e che fanno da Guardia d’Onore al Presidente della Repubblica) e la Marina. La banda suona l’Inno di Mameli che viene cantato a gran voce dalle forze armate presenti nella piazza, il reparto montante sfila nel cortile interno davanti a quello smontante che presenta le armi, vengono cambiate le sentinelle di quest’ultimo con quelle del reparto montante, che a sua volta presenta le armi quando il reparto smontante sfila verso l’uscita. La durata dell’onorificenza è di una quindicina di minuti; è una cerimonia curiosa e interessante che consigliamo ai turisti, specialmente il 2 giugno quando il Cambio della Guardia viene svolto in forma solenne dai Corazzieri a Cavallo.

Le vie dello shopping di artigianato a Roma

ottobre 22, 2012

L’artigianato romano è famoso in tutto il mondo; i falegnami vecchio stampo e i restauratori più esperti si concentrano ancora oggi in Via dei Cappellari. Via dei Sediari è invece celebre da centinaia d’anni per sedie, poltrone e altri oggetti per la casa realizzati in vimini. Le botteghe degli artigiani esperti nella lavorazione del ferro battuto si trovano in Via degli Orsini, mentre i vasi e altri oggetti in ceramica dipinta sono venduti in via Santa Dorotea. In Via dei Gigli D’oro si trovano molte riproduzione di antichi mosaici e, infine, i negozi di antiquariato sono in Via dei Coronari, Via Giulia, Via Margutta, Via del Babuino e Via del Pellegrino.

Ancora per una settimana il Sistina di Roma è all’insegna della Z di Zorro

ottobre 15, 2012

Ha debuttato il 9 ottobre e sarà on stage fino alla fine di questa settimana, il 21 ottobre, il musical “W Zorro” al Sistina di Roma. Lo spettacolo di Stefano D’Orazio con le musiche di Roby Facchinetti dei Pooh (Medina Produzioni) vede protagonisti Michel Altieri e Alberta Izzo insieme ad un ricco cast di attori, cantanti, ballerini ed acrobati diretti da Fabrizio Angelini con la collaborazione della vocal coach Rossana Casale. I protagonisti di “W Zorro” hanno imparato a tirare di scherma con un insegnante d’eccezione, il pluricampione del mondo di spada Stefano Pantano. E’ la prima volta che in Italia un musical viene dedicato al leggendario personaggio mascherato messicano, forse realmente esistito più di due secoli fa. L’eroe dal cuore grande e dalla spada veloce è pronto a conquistare grandi e piccini con una storia leggera che tanto ha in comune con il mondo di oggi ma arricchita da spettacolari coreografie, effetti speciali sorprendenti e combattimenti a filo di lama. Dopo Roma, lo spettacolo toccherà i più grandi teatri delle città italiane fino alla primavera; per ora si può vedere fino a domenica al Teatro Sistina di Roma in via Sistina, 129 (tra piazza Barberini e Trinitá dei Monti).

La rinomata Piazza del Popolo, a pochi passi dall’Hotel Centrale

ottobre 2, 2012

L’Hotel Centrale si trova a circa 200 metri da Piazza di Spagna, via Condotti e Piazza del Popolo; quest’ultima fu l’ultima grande realizzazione della Roma papale e un ottimo esempio di stratificazione architettonica, fenomeno consueto a Roma. Il nome deriva dal toponimo di ‘Popolo’, forse nome latino del ‘pioppo’, in base alla tradizione che ci fosse nella zona un boschetto di pioppi, oppure dalla dedica della chiesa di Santa Maria del Popolo, datata 1099 , al popolo romano che aveva permesso, a sue spese, la liberazione della zona da demoni e streghe. Nella piazza si svolsero nel tempo giochi, fiere e spettacoli popolari ma anche esecuzioni capitali. La sua entrata, per i visitatori che giungono da Nord, reca l’iscrizione “per un ingresso felice e fausto”. Tre sono i monumenti da segnalare nella piazza: l’Obelisco Flaminio, il gruppo delle tre Chiese (Santa Maria del Popolo, Santa Maria in Montesanto e Santa Maria dei Miracoli) e la Porta Flaminia. L’obelisco si trova al centro della piazza; egizio dei tempi del faraone Ramesse II, è il più antico ed il più alto di Roma (24 metri) dopo quello Lateranense e fu portato a Roma da Augusto. Nel 1589 Sisto V lo fece trasferire qui dal circo Massimo. La basilica di Santa Maria del Popolo venne eretta sul sepolcro dei Domizi dove Nerone fu sepolto nell’XI secolo ma venne poi ricostruita nella seconda metà del Quattrocento (da dove deriva l’aspetto rinascimentale) e restaurata alla metà del Seicento da Gian Lorenzo Bernini (da qui l’impronta barocca). La chiesa ospita i capolavori del Caravaggio “Conversione di San Paolo” e “Crocifissione di San Pietro”, oltre alle architetture di Raffaello Sanzio e del Bramante. Le due chiese gemelle, come vengono chiamate Santa Maria in Montesanto (1675) e Santa Maria dei Miracoli (1678), sono barocche e alla loro bellezza contribuì Bernini, che lavorò anche alla facciata interna della Porta Flaminia o del Popolo. Dopo varie trasformazioni, la piazza fu risistemata da Giuseppe Valadier all’inizio dell’Ottocento, che le diede l’attuale forma ellittica, con due fontane sugli emicicli: una, verso fiume, raffigurante Nettuno tra due Tritoni; l’altra, sotto il Pincio, con la dea Roma affiancata dal Tevere e dall’Aniene.