Archive for maggio 2013

Roma nei film, da “Vacanze romane” a “To Rome with love”

maggio 27, 2013

Roma filmRoma, capitale dell’amore, è stata resa celebre secondo questa interpretazione dal film del 1953 “Vacanze romane” (“Roman Holiday”), diretto da William Wyler e interpretato da Gregory Peck e Audrey Hepburn. La trama è nota: una principessa in visita ufficiale a Roma si sottrae alla sorveglianza e se ne va in incognito per la città in compagnia di un giornalista americano che fiuta il grande colpo. Tra i due nasce una romantica simpatia ma la fine è dettata dal senso del dovere: la principessa torna alla sua vita, serbando ricordi memorabili della città eterna e il giornalista al suo lavoro, tenendo segreta la giornata meravigliosa trascorsa con l’erede reale. In questo lungometraggio la città eterna riscopre la sua dimensione mitica, fiabesca e gioiosa simbolo della Dolce Vita. Nel film Roma è caotica e vitale, senza stereotipi né forzature; mescola l’immagine del folklore popolare con quella dell’incanto romantico all’interno di una favola dolceamara. Più che una fiaba, infatti, il film racconta un’avventura romantica, un’evasione che conosce il senso della misura. “To Rome with Love” è invece un film del 2012 scritto e diretto da Woody Allen ma senz’altro non uno dei suoi migliori… Interpretato da un cast di stelle, anche nostrane (Alec Baldwin, Roberto Benigni, Penélope Cruz, Antonio Albanese, Ornella Muti…), il film racconta quattro storie diverse che si sviluppano sullo sfondo della capitale italiana che cambieranno per sempre la vita dei protagonisti. Un uomo qualunque viene inspiegabilmente travolto da un’ondata di popolarità che gli stravolge la vita; due sposini di provincia si perdono per la città e si cornificano a vicenda rispettivamente con un ladro ed una prostituta; la famiglia di una turista americana, innamorata di un giovane romano, si incontra (e scontra) con quella italiana a causa dell’enorme distanza per mentalità e cultura;  un giovane studente d’architettura statunitense è attratto dall’irrequieta migliore amica della fidanzata. La Roma di Woody Allen, piena di turisti americani, è  bellissima e fotografata con una luce straordinaria ma un po’ stereotipata. Allen ridicolizza la città, gli Italiani e i loro (mal)costumi guardandoli attraverso con occhio sintetico e cinico: tutti gesticolano, spuntano i nani e le ballerine, realtà e finzione si confondono…

Rome, the capital of love, has been made famous in this interpretation from the 1953 film “Roman Holiday”, directed by William Wyler and starring Gregory Peck and Audrey Hepburn. The plot is familiar: a princess on an official visit to Rome escapes the surveillance and goes incognito for the city in the company of an American journalist who smells the big shot. A romantic sympathy grows between them but the end is driven by a sense of duty: the princess goes back to her life, keeping great memories of the eternal city and the journalist to his work, keeping secret the wonderful day spent with the royal heir. In this feature, the eternal city rediscovers its mythical, fabulous and joyous dimension, the symbol of the Dolce Vita. In the movie Rome is chaotic and vital, without stereotypes or forcing; it mixes traditional folklore with the image of the romantic enchantment in a bittersweet tale. More than a fairy tale, in fact, the film tells a romantic adventure, an escape that knows the sense of proportion. “To Rome with Love” is instead a movie of 2012 written and directed by Woody Allen, but certainly not one of his best… Starring a cast of stars, even Italian (Alec Baldwin, Roberto Benigni, Penelope Cruz, Antonio Albanian, Ornella Muti…), the film tells four different stories that develop on the background of the Italian capital that will forever change the lives of the protagonists. An ordinary man is inexplicably engulfed by a wave of popularity that disrupts his life; a couple of newlyweds from the province lose for the city and betray each other respectively with a thief and a prostitut; the family of an American tourist, in love with a young Roman, meets (and clashes) with the Italian family due to the huge distance to the mentality and culture; a young US student of architecture is attracted by his girlfriend’s lively best friend. Woody Allen’s Rome, full of American tourists, is beautiful and photographed with an extraordinary light but a little stereotypical. Allen ridicules the city, the Italians and their (mal)practice, watching them through a synthetic and cynical eye: all gesturing, dwarves and dancers appear, reality and fiction mix up…

Natura e cultura a Villa Borghese e Villa Torlonia

maggio 20, 2013

Villa BorgheseVilla Borghese, appena sopra piazza del Popolo e a pochi passi dall’Hotel Centrale di Roma, ha un’estensione di 85 ettari appartenuti, fino alla fine del 1800, alla villa privata dei principi Borghese. All’interno del parco si trovano le splendide collezioni della Galleria Borghese, gli esotici animali del Bioparco, i bellissimi palazzi Liberty, il Globe Theatre – il teatro Elisabettiano che riproduce la caratteristica “grande O di legno” dell’originale – e, tra i pini romani, sorge la Casa del Cinema che ospita proiezioni, lezioni di montaggio e regia, incontri… Se volete fare una sosta, sono numerosi i ristoranti e i caffè con tavolini all’aperto. Sempre nella stessa zona, Villa Torlonia è a circa due chilometri da Porta Pia. Acquistata nel 1797 da Giovanni Torlonia e successivamente trasformata in un complesso monumentale (il restauro venne affidato all’architetto Valadier), è entrata nella cronaca e nella storia come la “casa di Mussolini”. All’interno della Villa si può godere la Limonaia e l’architettura Liberty della Casina delle Civette. In prossimità di questa c’è la minicittà “Technotown” che fa divertire i ragazzi con finte colate vulcaniche, un tg che spiega come funzionano le notizie e viaggi virtuali nell’antica Roma.

Villa Borghese, just above Piazza del Popolo and just a few steps from the Centrale Hotel in Rome, has an area of ​​85 hectares belonged, until the end of 1800, to the private villa of the Borghese princes. Within the park are the beautiful collections of the Galleria Borghese, the exotic animals of the bio Zoo, the beautiful Art Nouveau buildings, the Globe Theatre – the Elizabethan theater that reproduces the characteristic “large wooden O” of the original – and, among the Roman pines, stands the Movie House, which hosts screenings, lectures editing and directing, meetings… If you want to take a break, there are many restaurants and cafes with outdoor seating. In the same area, Villa Torlonia is at about two kilometers from Porta Pia. Purchased in 1797 by Giovanni Torlonia and subsequently transformed into a monumental complex (the restoration was entrusted to the architect Valadier), entered in the news and in history as the “home of Mussolini”. Inside the villa you can enjoy the lemon trees and the Art Nouveau architecture of the Owls Little House. Near this, there is the minicity “Technotown”, fun for kids with fake lava flows, the news that explain how they work and virtual tours about ancient Rome.

La “Notte dei Musei” romani si svolge sabato 18 maggio 2013

maggio 13, 2013

Notte museiLa Notte dei Musei, patrocinata dall’Unesco e dal Consiglio d’Europa, è un occasione unica per visitare gratuitamente e fuori orario musei statali, civici e privati, gallerie, mostre, biblioteche e zone archeologiche. Giunta alla sua quinta edizione italiana, si svolgerà a Roma, quest’anno la prima città europea ad annunciare la sua partecipazione, sabato 18 maggio 2013 dalle ore 20 in poi. Il 18 Maggio non sarà solo la giornata dedicata alla Notte dei Musei, ma anche la Giornata Internazionale dei Musei istituita dall’International Council of Museums. Il tema di quest’anno è Musei (Memoria + Creatività) = Sviluppo Sociale. Tra le strutture visitabili nella capitale d’Italia: il Planetario, la Galleria Nazionale d’arte Antica di Palazzo Corsini, Il Museo Nazionale Etrusco, la Chiesa di Sant’Ignazio e i Musei statali (grazie all’accordo con il MIBAC). La Notte dei Musei coinvolge più di 30 Paesi europei: per vedere in quali città si svolge, l’elenco dei musei e il programma consultate il PORTALE UFFICIALE.

The Night of Museums, sponsored by UNESCO and the Council of Europe, is a unique chance to visit for free and overtime civic and private museums, galleries, exhibitions, libraries and archaeological sites. Now in its fifth Italian edition, it will be held in Rome, this year the first European city to announce its participation, Saturday, May 18, 2013 from 8 pm onwards. May 18 will not be the only day dedicated to the Night of Museums, but also to the International Day of Museums established by the International Council of Museums. This year’s theme is Museums (Creativity + Memory) = Social Development. Among the visited museums in the capital of Italy there will be: the Planetarium, the National Gallery of Ancient Art of Palazzo Corsini, the National Etruscan Museum, the Church of St. Ignatius and the State Museums (thanks to the agreement with the MIBAC). The Night of Museums involves more than 30 European countries: to see in which cities it takes place, the list of museums and the program refer to the OFFICIAL WEBSITE.

Sport e relax nei parchi di Roma

maggio 6, 2013

ParcoRoma è una città verdissima, ricca di splendidi parchi dove potersi rilassare, prendere il sole (adesso che si avvicina la bella stagione) e fare sport… Oltre alla natura, i parchi di Roma ospitano ville meravigliose, ricche di storia e di fascino; la passeggiata (o la corsa) si trasforma perciò in un percorso rigenerante tra il verde della natura e il bianco dei marmi. A parte Villa Borghese (di cui parleremo nel prossimo post), a nord di Roma si trova il parco più ricco della Capitale per quanto riguarda l’aspetto faunistico e ambientale, Villa Ada: cipressi, pini, palme nane ma anche una pista di pattinaggio e percorsi ginnici la rendono una delle ville più amate e frequentate dai Romani. Tornando verso il centro di Roma c’è Villa Celimontana, la struttura rinascimentale all’interno del Parco del Celio. E’ un’oasi tra il Colosseo e le Terme di Caracalla, meta di ogni jazzofilo per le rassegne internazionali di musica che vi si organizzano ogni anno. Un parco davvero sconfinato, un po’ più lontano dal centro di Roma, è Villa Pamphili: la superficie abbraccia più di un quartiere con i suoi nove chilometri di perimetro. All’interno di questa, dall’alto di una delle terrazze panoramiche, si può ammirare il Casino del Bel Respiro, più noto come Villa Algardi. APPROFONDISCI.

Rome is a very green city, full of beautiful parks where you can relax, sunbathe (now approaching the summer) and do sports… In addition to nature, parks are home to beautiful villas of Rome, rich in history and charm and therefore the walking (or running) becomes a regenerating pathway between the green of nature and the white of the marble. Apart from Villa Borghese (we will talk about it in the next post), to the north of Rome, you can find the park’s richest Capital according to the fauna and environment, Villa Ada: cypresses, pines, palms, but also a skating rink and gymnastic routes make it one of the most beloved and popular villas by the Romans. Returning to the center of Rome, there is Villa Celimontana, the Renaissance structure in the Parco del Celio. It is an oasis between the Colosseum and the Baths of Caracalla and the destination of each jazz lover for international festivals of music that are here organized every year. A park truly boundless, a little further from the center of Rome, is Villa Pamphili: the surface is spanning more than a district with its nine miles of perimeter. Within this, from the top of one of the terraces, you can enjoy the Casino del Bel Respiro, better known as Villa Algardi. READ MORE.