Posts Tagged ‘roma hotel centrale’

Jorge Mario Bergoglio, con il nome di Papa Francesco, è il nuovo eletto al soglio Pontificio

marzo 14, 2013

Il nuovo Papa Jorge Mario Bergoglio con il nome di Francesco IAlla quinta fumata, verso le 19 del 13 marzo 2013, il conclave, davanti ad una folla gremita in Piazza san Pietro, ha scelto il nuovo Papa: è l’argentino Jorge Mario Bergoglio. Il Pontefice appena eletto vanta molti primati: è il primo a scegliere il nome Francesco, il primo Papa sudamericano e il primo gesuita. 76 anni, Arcivescovo di Buenos Aires, fu nominato cardinale nel 2001 da Giovanni Paolo II e già nel 2005 aveva sfiorato l’elezione (ebbe il maggior numero di voti ma sembra che chiese di non essere eletto e il conclave gli preferì Ratzinger). E’ di lontana origine italiana (piemontese) e ha fama di riformatore, di persona umile e schiva e attenta ai poveri; “fratelli e sorelle, buonasera” ha esordito appena si è affacciato dal loggione centrale di San Pietro, sottolineando di essere un Papa proveniente “quasi dalla fine del mondo”. Papa Francesco ha poi pronunciato il Padre nostro per il “vescovo emerito Benedetto XVI” e si è rivolto ai fedeli chiedendo sostegno.

With the fifth smoked, at about 7 pm of March 13, 2013, the conclave, in front of a packed crowd in St. Peter’s Square, has chosen the new Pope: he is Jorge Mario Bergoglio from Argentina. The newly elected Pope boasts many firsts: he is the first to choose the name Francesco, the first Pope from South America and the first Jesuit. 76 years, Archbishop of Buenos Aires, was appointed cardinal in 2001 by Pope John Paul II and in 2005 had touched the election (he had the most votes but it seems that asked not to be elected and the conclave chose Ratzinger). He has distant Italian ancestry (Piedmont) and has a reputation as a reformer, humble and shy person and attentive to the poor; “brothers and sisters, good evening” he began as soon as it approached from the central loggia of St. Peter, emphasizing that he is Pope “nearly from the end of the world”. Francis Pope then pronounced the Our Father for the “Bishop Emeritus Benedict XVI” and addressed to the faithful asking for support.

Annunci

Il colonnato di piazza San Pietro

marzo 11, 2013

Colonnato piazza San PietroProgettata da Gian Lorenzo Bernini tra il 1656 ed il 1667, Piazza di San Pietro è considerata uno dei capolavori dell’architettura scenografica barocca. Il colonnato, commissionato nel 1657 da papa Alessandro VII, consta di 284 colonne in stile dorico e 88 pilastri disposti su 4 file ed è coronato da 140 statue di santi. Il colonnato circonda la piazza e ne traccia la forma divisa in due corpi distinti: il primo a pianta trapezoidale, che accompagna idealmente la vista dello spettatore verso il sagrato e l’entrata della basilica; il secondo assume invece l’aspetto maestoso di due emicicli di forma ellittica, quasi a simboleggiare le braccia materne della Chiesa protese ad accogliere il suo popolo. La struttura ellittica della piazza consentì al Bernini di creare quegli effetti ottici ricchi di movimento e di sorpresa così cari alla cultura barocca. Camminando a fianco del colonnato si ha infatti l’impressione che questo sia in movimento; vi è poi un punto, indicato da una pietra circolare sulla piazza, il fuoco dell’ellisse, non lontano dall’obelisco, in cui il colonnato appare costruito non da quattro ma da una sola fila di colonne. Una leggenda narra che, qualche secolo fa, un pellegrino tedesco incise la sua firma su una delle 284 colonne; chi riesce a trovarla, dopo avervi passato sopra la mano, deve andare a giocare al Lotto la propria data di nascita (prima l’anno suddiviso in 2 o 3 numeri, dopo il giorno e il mese). Tentar non nuoce…

Designed by Gian Lorenzo Bernini between 1656 and 1667, St. Peter’s Square is considered one of the masterpieces of dramatic baroque. The colonnade, which was commissioned in 1657 by Pope Alexander VII, consists of 284 Doric columns and 88 pillars arranged in 4 rows and is topped by 140 statues of saints. The colonnade surrounds the square and traces the shape into two distinct parts: the first trapezoidal, which ideally accompanies the view of the spectator to the courtyard and the entrance to the basilica; the second assumes instead the majestic appearance of two semicircles elliptical, as if to symbolize the maternal arms of the Church reached out to welcome his people. The elliptical structure of the square allowed Bernini to create those rich visual effects of movement and surprise so dear to the Baroque culture. Walking alongside the colonnade, one gets the impression that this is in motion and there is a point, marked by a circular stone on the square, the focus of the ellipse, not far from the obelisk, where the colonnade is built not by four but only by  one row of columns. A legend has it that a few centuries ago, a German pilgrim engraved his signature on one of the 284 columns; who can find it, after having passed over his hand, should go and play the lottery his date of birth (first the year, divided into 2 or 3 numbers, after the day and the month). Attempt does not harm…

Tutti di corsa per la città con la Maratona di Roma!

marzo 6, 2013

Maratona di Roma-9 giorni alla Maratona di Roma, la gara podistica dal percorso di 42,195 km giunta alla 19esima edizione. Si svolgerà infatti domenica 17 marzo alle ore 9, con partenza e arrivo in Via dei Fori Imperiali. Quest’anno, in caso di intronizzazione del nuovo Santo Padre, verrà spostata alle ore 16. Accanto alla gara per gli atleti vi sarà, come sempre,“La Stracittadina”, la prova non competitiva di 4,7 km aperta a tutti che comincerà subito dopo la partenza della Maratona. La Stracittadina è una passeggiata nel centro storico, completamente chiuso al traffico per tutta la durata dell’evento, in cui ciascuno può sentirsi protagonista insieme con la famiglia, gli amici o il proprio cane, a piedi o sui pattini. Accanto alla Maratona di Roma “Una città in Festa”, il festival di eventi musicali e artistici che fa di Roma un palco lungo 42 chilometri. Grandi bande istituzionali, percussionisti, artisti di strada, dj set, rock band, musicisti folk da tutto il mondo, in un abbraccio tra i continenti, una fusione di sport, cultura ed intrattenimento. Un megaparty per runner, spettatori, turisti e curiosi, con oltre 50 eventi. Per maggiori informazioni guarda il SITO DELLA MARATONA DI ROMA.

-9 days to the Rome Marathon, the footrace of 42,195 km that has reached the 19th edition. It will take place Sunday, March 17 at 9 am, with departure and arrival in Via dei Fori Imperiali. This year, in the case of enthronement of the new Pope, it will move at 4 pm. In addition to the competition for the athletes there will be, as always, “The Stracittadina”, the non-competitive 4,7 km open to everybody that will begin immediately after the start of the Marathon. The Stracittadina is a walk in the historic center, which will be completely closed to traffic for all the duration of the event, where everyone can feel like the protagonist together with family, friends or dog, on foot or on skates. Next to the Rome Marathon there will be “A festive city”, the festival of music and art events that makes Rome a stage long 42 km. Large institutional bands, drummers, street artists, DJ sets, rock band, folk musicians from all around the world, in an embrace between continents, a fusion of sport, culture and entertainment. A megaparty for runners, spectators, tourists and curious, with over 50 events. For more information see the SITE OF ROME MARATHON.

Il rosso Tiziano tinteggia la Capitale

marzo 1, 2013

Tiziano quadroTiziano è il protagonista della nuova mostra alle Scuderie del Quirinale di Roma (Via Nazionale, 194). Dal 5 marzo al 16 giugno 2013 sarà visibile infatti la mostra dedicata all’artista veneziano, alla sua città e al ruolo cardine della pittura della Serenissima nel rinnovamento della cultura italiana ed europea (saranno esposte anche con opere di Antonello da Messina, Giovanni Bellini, Lorenzo Lotto e Tintoretto). I quadri di Tiziano Veciello (Pieve di Cadore 1485 circa – Venezia 1576) rappresentano non soltanto la sua fondamentale dimensione di pittore religioso ma anche la complessa attività di ritrattista della nobiltà del tempo. Visitando la mostra sarà infatti possibile ripercorrere i tratti salienti dell’inarrestabile ascesa del grande artista italiano del Cinquecento: dagli esordi veneziani in seno alle botteghe di Giovanni Bellini e Giorgione all’autonomia acquisita con le grandi tele per i dogi, gli Este e i Della Rovere fino ad arrivare alle committenze imperiali di Carlo V e poi del figlio Filippo II. Decennio per decennio, l’intera carriera di Tiziano sarà rappresentata al massimo livello sottolineando il magistrale senso del colore e l’evoluzione di una pennellata capace di travalicare i limiti dell’immaginario pittorico. E’ una mostra ideata – grazie al sostegno e ai prestiti delle massime istituzioni museali italiane e straniere – per far comprendere al grande pubblico l’eccezionalità di Tiziano, la sua novità d’impostazione e la sue eccezionale grammatica compositiva.

Titian is the star of the new exhibition at the Quirinal Stables in Rome (Via Nazionale, 194). From 5 March to 16 June 2013 there will be the exhibition dedicated to the Venetian painter, to his city and to the pivotal role of the painting of the Venetian Republic in the renewal of Italian and European culture (there will also be works by Antonello da Messina, Giovanni Bellini, Lorenzo Lotto and Tintoretto). The paintings of Titian Veciello (Pieve di Cadore about 1485 – Venice 1576) represent not only its fundamental dimension of religious painter but also the complex as a portrait painter of the nobility of the time. Visiting the exhibition it will be possible to trace the salient features of the unstoppable rise of the great Italian artist of the Sixteenth century, from the beginning within the workshops of Giovanni Bellini and Giorgione to the autonomy gained from large canvases to the doges, the Este and the Della Rovere, up to the Imperial patronage of Charles V and then of his son Philip II. Decade by decade, the career of Titian will be represented at the highest level by emphasizing the masterful sense of color and the evolution of a brushstroke able to go beyond the limits of the imaginary painting. It is an exhibition created – thanks to the support and loans of the greatest Italian and foreign museums – to bring home to the public the exceptional nature of Titian, his new setting and its exceptional compositional grammar.

L’elezione del nuovo Papa

febbraio 21, 2013

Elezione PapaTra pochi giorni, il 28 febbraio 2013, Roma sarà al centro dell’attenzione del mondo  perché Papa Benedetto XVI (Georg Ratzinger) lascerà la sede pontificia come da sue dimissioni e vi sarà una nuova elezione papale. Essa viene decisa dai cardinali riuniti in conclave non prima di quindici giorni e non oltre i venti dall’inizio della sede apostolica vacante. ‘Extra omnes (fuori tutti)’ è la frase con cui il maestro delle celebrazioni liturgiche dà il via al conclave. A differenza di quanto accadeva dal Medioevo, i porporati non sono chiusi a chiave, ma non possono comunicare con l’esterno. Come da tradizione, le votazioni avvengono in forma segreta nella Cappella Sistina: un voto il primo giorno, quattro (due la mattina e due la sera) dal secondo in poi; la decisione  si prende con il voto dei due terzi dei presenti. Benedetto XVI ha infatti stabilito nel 2007 che la maggioranza necessaria all’elezione del Papa sia di due terzi dei votanti per tutti gli scrutini e che, a partire dal tredicesimo giorno di conclave, si debba procedere al ballottaggio, sempre mantenendo la maggioranza dei due terzi, tra i due cardinali più votati nell’ultimo scrutinio, che perdono il proprio diritto di voto. L’esito delle votazioni è segnalato ai fedeli all’esterno con una fumata, nera se negativo, bianca se positivo. Una volta scelto il nuovo Papa, ad esso viene rivolta la fatidica domanda: ‘Accetta la sua elezione a Sommo Pontefice?’ e segue la scelta del nome, che chiude finalmente il conclave. Appena eletto, il Papa è condotto nella Camera Lachrimatoria, dove indossa uno dei tre abiti bianchi di taglia diversa, appositamente predisposti. A quel punto, il cardinale portadiacono dà l’annuncio ai fedeli riuniti in piazza San Pietro: “Habemus Papam”. Alla presentazione del nuovo Pontefice segue, solitamente dopo pochi giorni, la solenne cerimonia di incoronazione papale nella basilica di San Pietro in Vaticano, che avvia il complesso delle cerimonie di insediamento.

In a few days, February 28, 2013, Rome will be in the world  spot light because Pope Benedict XVI (Georg Ratzinger) will leave the papacy as his resignation and there will be a new papal election. It is decided by the cardinals in conclave no less than fifteen days and not later than twenty days beginning from the vacation of the Apostolic Seat. ‘Extra omnes (all out)’ is the phrase with which the master of liturgical celebrations starts the conclave. Unlike what happened in the Middle Ages, the cardinals are not locked, but can not communicate with the outside world. As usual, voting takes place in secret form in the Sistina Chapel: a vote on the first day, four (two in the morning and two in the evening) from the second onwards; the decision is taken by the vote of two thirds of those present. Benedict XVI pointed out in 2007 that the majority required for the election of the Pope is two thirds of the voters for all polls and, starting from the thirteenth day of the conclave, cardinals should proceed to the ballot, maintaining the two-thirds majority, between the two cardinals most rated in the last election, who lose their right to vote. The outcome of the vote is reported to the faithful outside with a smoke, black if it is negative, white if positive. Once chosen the new Pope, he is facing the question: ‘Do you accept your election as Supreme Pontiff?’; then there is the choice of name that finally closes the conclave. After his election, the Pope is carried in the Camera Lachrimatoria, where he wears one of the three white clothes of different sizes, specially crafted. At that point, the Cardinal portadiacono gives the news to the faithful gathered in St. Peter’s Square: “Habemus Papam”. The presentation of the new Pope follows, usually after a few days, the solemn papal coronation ceremony in St. Peter’s Basilica in the Vatican, which starts the whole complex of the induction ceremonies.

Grande successo del Carnevale a Roma

febbraio 15, 2013

Carnevale Piazza del PopoloIl Carnevale romano ha avuto un grande successo: ecco un’immagine della manifestazione e della folla in Piazza del Popolo, a pochi metri dall’Hotel Centrale. Per vedere tutte le foto del Carnevale romano CLICCA QUI.

The Roman Carnival was a great success; here there is a picture of the event and the crowd in Piazza del Popolo, a few meters from the Centrale Hotel. To see all the pictures of the Roman Carnival CLICK HERE.

San Valentino a Roma “innamorati dell’arte”

febbraio 11, 2013

San Valentino 3Roma è una delle città più romantiche del mondo; leggendo il suo nome al contrario, ne esce ‘amor’… Come non trascorrere allora la giornata di San Valentino (e il weekend che ne segue) in questa splendida location? Tra l’altro il Ministero per i Beni e le Attività Culturali propone l’offerta speciale “A San Valentino, innamorati dell’arte”, valevole per l’intero fine settimana. In tutti i musei, monumenti e siti archeologici statali, presentandosi in due, si entrerà pagando un solo biglietto. A Roma sono 21 i siti dove è possibile usufruire di questa promozione; in tema di amore, alla Galleria Borghese si può vedere “L’Amor Sacro e Amor Profano”: il sentimento principe che nei secoli ha guidato la mano dei più grandi artisti diventa, in binomio con l’Arte, un’ineguagliabile forza ispiratrice.

Rome is one of the most romantic cities in the world; reading his name on the contrary, it comes out ‘amor’ … Then how not spending the Valentine’s Day (and the weekend that follows) in this beautiful location? The Ministry of Heritage and Culture besides proposes the special offer “On Valentine’s Day, lovers of art”, valid for the entire weekend. In all the public museums, monuments and archaeological sites, you will pay a single ticket for two persons. In Rome there are 21 sites where you can take advantage of this promotion; in the Borghese Gallery, for example, you can see “The Sacred and Profane Love”: the feeling that for centuries has guided the hand of the greatest artists becomes , in combination with art, a peerless inspirational force.

Il quartiere EUR, centro residenziale, congressuale e amministrativo

febbraio 4, 2013

Eur Palazzo Civiltà italianaL’EUR (in origine acronimo di Esposizione Universale di Roma, poi denominato quartiere Europa) è un complesso urbanistico e architettonico di Roma. Fu progettato, per divenire il polo dell’espansione della città verso il mare, negli anni Trenta del Novecento, durante il regime fascista, in previsione di un’Esposizione Universale mai svoltasi a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale. Il progetto, interrotto nel 1942, venne ripreso dopo la guerra e completato alla fine degli anni Cinquanta in occasione delle Olimpiadi di Roma del 1960. Era stato pensato, secondo l’ideologia fascista, come un complesso di architettura monumentale ispirato all’urbanistica classica romana con elementi del Razionalismo Italiano; fu poi ridefinito con edifici moderni, palazzi congressuali e architetture sportive. A dare la propria impronta al progetto fu l’architetto Marcello Piacentini, secondo le linee guida di  ampi spazi verdi e imponenti effetti scenografici, ottenuti grazie all’uso massiccio di marmi, vetri e fontane. La struttura ha un impianto viario ad assi ortogonali ed edifici architettonici maestosi, imponenti e squadrati, costruiti con marmo bianco e travertino. L’elemento simbolo è il cosiddetto Colosseo Quadrato, soprannome del Palazzo della Civiltà Italiana (opera degli architetti Guerrini, La Padula e Romano), ispirato all’arte metafisica. Altri monumenti ed edifici di particolare rilievo sono il Palazzo dei Ricevimenti e dei Congressi, l’Archivio Centrale dello Stato, l’Edificio delle Poste, Telegrafi e Telefoni e un nuovo planetario, annesso al Museo dell’Astronomia, aperto nel 2004. Oggi l’EUR, oltre che zona residenziale, è soprattutto sede amministrativa, tra cui, fra gli altri, della Confindustria, del Ministero della Salute,  Comunicazioni e Ambiente, dell’ENI (nel grattacielo ad una delle estremità del laghetto), della Banca di Roma, delle Poste Italiane e di numerose multinazionali.

The EUR (originally an acronym for Universal Exhibition of Rome, later called the district Europe) is a urban and architectural complex of Rome. It was designed to become the expansion of the city to the sea, in the Thirties of the Twentieth century, during the fascist regime and  in anticipation of a World Expo never held because of the outbreak of World War II. The project was discontinued in 1942; it was resumed after the war and completed at the end of the Fifties for the Olympic Games in Rome in 1960. It had been thought, according to the fascist ideology, as a complex of monumental architecture inspired by classical Roman urban planning, with elements of Italian Rationalism; it was then redefined with modern and conference buildings and sport architecture. The imprinting of the project was to the architect Marcello Piacentini, according to the guidelines of green spaces and impressive special effects, achieved through the massive use of marble, glass and fountains. The property has a road network with orthogonal axes and majestic architectural buildings, massive and square, built with white marble and travertine. The symbol is the so-called Square Colosseum, nickname of the Palace of Italian Civilization (designed by architects Guerrini, La Padula and Romano), inspired by the metaphysical art. Other monuments and buildings of particular note are the Palace of Congresses and Meetings, the Central State Archive, the building of Posts, Telegraphs and Telephones and a new planetarium, adjacent to the museum of astronomy, which opened in 2004. Today the EUR, as well as a residential area, it is primarily an administrative area, including the headquarters, among others, of Confindustria, of the Italian Ministry of Health, Communications and Environment, of the ENI (in the tower at one end of the pond), of the Bank of Rome, of the Italian Post and of numerous multinational corporations.

Sabato 2 febbraio 2013 la sfilata che dà inizio al Carnevale romano

gennaio 29, 2013

Sfilata CarnevalePer il quinto anno il Carnevale Romano dà il via ai suoi festeggiamenti con la Grande Sfilata inaugurale. Artisti equestri e attori della Commedia dell’arte, butteri e figuranti in costume, gruppi storici e rappresentanze dei prestigiosi corpi militari che hanno dato lustro alla storia della cavalleria italiana sfileranno a piedi, a cavallo o sui carri nel lungo corteo che da piazza del Popolo percorrerà via del Corso e che toccherà i luoghi dei festeggiamenti del Carnevale Rinascimentale. Alle ore 17 in piazza del Popolo “La grande storia della Cavalleria militare italiana”: l’8° Reggimento Lancieri di Montebello – Esercito Italiano racconterà in modo spettacolare l’evoluzione dell’equitazione militare e dell’Arma di Cavalleria con il “Carosello di lance”, una dinamica e coordinata serie di movimenti effettuati governando il cavallo con una sola mano, che culmina nella travolgente carica. Alle ore 18, sempre nella stessa piazza, gli artisti dello spettacolo “I Cavalli di Roma” daranno vita ad un evento equestre spettacolare e di alto livello artistico. La meticolosa selezione delle musiche, i costumi del Teatro dell’Opera, le collaborazioni artistiche di alto livello ed il ricorso alle proiezioni architetturali in 3D si sposano con le capacità equestri di alcuni tra i migliori artisti equestri italiani. La sfilata prenderà vita con i quadri storici, a partire dal Papa che ritorna a Roma sulla Mula Bianca, i Barbareschi, i Nobili, le Dame, le Carrozze, a cui seguiranno le esibizioni a cavallo degli artisti equestri e dei butteri di Blera. Sempre sabato verranno inaugurati la mostra “Carnevale Romano. Rinascita di una tradizione”, il Villaggio della tradizione e l’arena equestre. INFORMAZIONI SULLA SFILATA.

For the fifth year, Carnival kicks off its festivities with the inaugural Big Parade. Equestrian artists and actors of the Commedia dell’arte, cowboys and costumed, historical groups and representatives of prestigious military forces that have brought success to the history of the Italian cavalry, make a parade on foot, on horseback or on carts in the long procession from Piazza del Popolo to via del Corso, touching the places of the Carnival celebrations in Renaissance. On 2 February, 2013, at 5 pm, in Piazza del Popolo, there is “The big story of the Cavalry Italian military”. The 8th Regiment of Lancers of Montebello – Italian Army, recounts in spectacular fashion the evolution of military equitation and of the Cavalry with the “Carousel lance”, a dynamic and coordinated series of movements performed ruling the horse with one hand, which culminates in sweeping charge. At 6 pm, in the same square, the artists of the show “The Horses of Rome” will create a spectacular equestrian event at high artistic level. The meticulous selection of the music, the costumes of the Opera house, the artistic collaboration of high standard and the use of 3D architectural projections are combined with equestrian skills of some of the best Italian equestrian artists. The parade will come to life with historic paintings: the Pope returning to Rome on the White donkey, the Barbary, Nobles, Ladies, the coaches and so on. The parade will be followed by the performances of the artists riding on horseback and the cowboys of Blera. On Saturday will be also opened the exhibition “Roman Carnival. Rebirth of a tradition, the Village of tradition and the equestrian arena. INFOS ON THE PARADE.

La ‘Dolce vita’ romana

gennaio 25, 2013

La Dolce vita“La Dolce Vita” è un film del 1960 diretto da Federico Fellini, vincitore della Palma d’Oro al 13° Festival di Cannes. È sicuramente uno dei film più famosi della storia del cinema, ma è diventato anche il simbolo di una Roma mitica che perdura nel mondo da più di 2.000 anni. GUARDA UNA DELLE SCENE PIU’ FAMOSE.

“The Sweet Life” is a 1960’s film directed by Federico Fellini, winner of the Palme d’Or at the 13th Cannes Film Festival. It is certainly one of the most famous films in the history of cinema, but it has also become the symbol of a mythical Rome that has lasted in the world for more than 2.000 years. LOOK AT ONE OF THE MOST FAMOUS SCENES.